A poco più di un anno dalla legge sul lavoro agile in Italia (Legge 22 maggio 2017, n. 81) ci sono già diverse realtà aziendali che hanno introdotto questo nuovo modello di organizzazione del lavoro. Tra queste anche la PA, l’Emilia Romagna è la prima regione ad essere partita a Giugno con una sperimentazione.

I benefici dello Smart Working sono molteplici: un risparmio in termini di costi, la possibilità di attrarre talenti, aumentare la meritocrazia, creazione di un rapporto di fiducia verso il collaboratore, riduce le forme di assenteismo fisiologico, favorisce l’inserimento di figure professionali e digitalizzate. Secondo le cifre dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano rispetto ai dipendenti sempre presenti in ufficio è mediamente più produttivo (nell’ordine di un + 35-45%) chi lavora con orari flessibili. Questo perché il lavoro agile promuove la produttività individuale indipendentemente dal fatto di essere sempre presenti all’interno dell’azienda e fa assentare dal lavoro un tempo inferiore: circa il 63% in meno di chi svolge il suo lavoro in maniera tradizionale.

Le persone sono oggi pronte al cambiamento, complice anche la diffusione dello smartphone che consente di comunicare, lavorare, rimanere connessi in mobilità. Il livello di disponibilità all’interazione digitale ha innescato una nuova curva di apprendimento spontanea delle persone, che oggi arrivano in azienda con un livello di preparazione e disponibilità all’innovazione un tempo inimmaginabili.

Entrando più in dettaglio, l’adozione di un modello “maturo” di Smart Working può produrre un incremento di produttività pari a circa il 15% per lavoratore, miglior equilibrio vita privata-lavoro, secondo le più recenti rilevazioni dell’Osservatorio Smart Working del Politecnico di Milano.

Invece alla collettività, in termini di minore inquinamento dell’aria in virtù della riduzione degli spostamenti per i lavoratori, anche una sola giornata a settimana di remote working può far risparmiare in media 40 ore all’anno di spostamenti e per l’ambiente, invece, determina una riduzione di emissioni pari a 135 kg di CO2 all’anno, considerando che in media le persone percorrono circa 40 chilometri per recarsi al lavoro e ipotizzando che facciano un giorno a casa di lavoro da remoto.

Circuit2

 

Comitel conosce bene la tecnologia che abilita lo Smart Working e l’evoluzione e i cambiamenti a cui non potranno sottrarsi le imprese che vorranno tenere il passo in un mercato sempre più competitivo. Il loro business sarà profondamente legato alle tecnologie adottate e alla semplificazione di tutti i processi organizzativi.   

 

Circuit è la soluzione adottata da Comitel perché riunisce in un unico strumento tutto quello che è necessario per chi ha bisogno di far rimanere in contatto i collaboratori sempre in movimento, per chi ha filiali in qualsiasi parte del mondo, per chi considera il lavoro di squadra fondamentale per affrontare tutte le sfide di oggi e di domani.

Per tutti questi siamo certi che una volta provato Circuit e scoperte le sue potenzialità sarà difficile tornare indietro.

Espandi le tue possibilità di fare business in maniera efficiente con maggiore sicurezza, metti alla prova le potenzialità di Circuit,visita il sito https://www.comitel.net/unify/ e scarica subito gratuitamente la versione di prova.