Da centralini telefonici a sistemi integrati Unified Communications e Networking


COMITEL nasce a Cesena nel 1987

Azienda specializzata nella progettazione, installazione ed assistenza tecnica di impianti telefonici. 

L’eccellenza dei prodotti e del servizio di assistenza sono stati negli anni i segni distintivi che hanno permesso l’affermazione dell’azienda nel tessuto imprenditoriale delle piccole e medie imprese del territorio.
Con il passare degli anni, COMITEL ha continuato a crescere, e grazie al continuo inserimento di personale qualificato, si è affermata via via in un territorio sempre più ampio, in ambito regionale e oltre.

Nel 2004, unitamente ad altre quattro Aziende distribuite sul territorio nazionale, COMITEL ha fondato il Consorzio Italia Netcom, una struttura composta da oltre 200 professionisti ICT che si propone come unico interlocutore per clienti “Corporate” con esigenze tipiche delle strutture distribuite a livello nazionale.

Comitel

Con oltre 5.000 clienti attivi e circa 40 collaboratori distribuiti fra le sedi di Cesena, Bologna e Rimini, oggi COMITEL opera a 360° nell’ambito delle telecomunicazioni, del networking e delle soluzioni informatiche applicate, vantando una posizione di rilievo nei settori Voce, Unified Communications, Networking, Network Security, Videoconferenza e Video Sorveglianza.

Mission

Poche parole, un grande obiettivo: ottimizzare le tue comunicazioni, e qualcosa in più.

COMITEL ogni giorno s’impegna per aumentare la produttività e ridurre i costi interni alle aziende clienti, mettendo in comunicazione più facilmente le persone, velocizzando e rendendo più sicuri i processi aziendali, incrementandone la competitività e la leadership di mercato grazie all’impiego delle più moderne tecnologie.

Oggi COMITEL è impegnata nella ricerca di soluzioni sempre più evolute in grado di garantire la qualità e la sicurezza delle comunicazioni voce-dati a 360° tramite soluzioni branded o open source.

Veicoliamo verso di Voi le nostre competenze per viaggiare insieme verso il futuro della “next generation communication”.